RASSEGNA STAMPA

30 APRILE 2000
ARMANDO MASSARENTI
John Dewey. Rifare la filosofia per la società tecnologica
"Non è la perfezione la meta ultima della vita, ma il processo incessante di perfezionare, maturare e raffinare".Con questa citazione, tratta da Reconstruction in Philosophy (del 1919, poi ampliato nel '45; trad. it. Rifare la filosofia, Donzelli 1998), si va dritti al cuore del temperamento filosofico di John Dewey. Potrebbe essere il suo motto, applicabile ad ogni campo di cui egli si è occupato: epistemologia, scienza, tecnologia, arte, educazione, etica, politica, e soprattutto a quello che è il vero passepartout della sua filosofia: la democrazia, la parola magica cui si lega la sua visione dinamica della conoscenza, e della vita stessa.
La teoria della conoscenza, come ogni altro aspetto della riflessione filosofica, ha infatti in Dewey forti connotati sperimentali. Ciò che conta è il processo incessante della ricerca, che non raggiunge mai risultati certi e definitivi, ma che mette continuamente in discussione le conoscenze acquisite. Dewey prese subito sul serio la rivoluzione darwiniana, non solo perché essa mette a segno il colpo definitivo ad ogni finalismo della natura (dopo che, nel '600, la fisica e l'astronomia moderne avevano sancito il passaggio dal mondo chiuso all'universo infinito), ma anche perché ci mostra che la vita stessa, il regno animale e ancor di più umano, aborre l'immobilismo. Il processo di innovazione non può, e non deve, essere arrestato, pena l'inaridimento di ogni attività. Dewey sottolinea "l'importanza di uscire dal tracciato in cui la mano pesante della consuetudine tende a spingere ogni forma di attività umana, compresa l'indagine intellettuale e scientifica", che pure è all'origine della liberazione delle forze più dinamiche dell'intelligenza: "La routine tende a ottundere perfino l'indagine scientifica: sbarra la strada alla scoperta e al lavoro scientifico attivo. In quanto attività, scoperta e indagine sono sinonimi: la scienza è ricerca e non un impossessarsi dell'immutabile".
Lo stesso vale, a maggior ragione, per la politica - e per la democrazia, intesa come un "medium cognitivo" per la soluzione dei problemi pubblici - per la quale Dewey rivendica l'esistenza di "un Ministero del Disturbo, una fonte istituzionale di scompiglio, uno scardinatore del tran tran e del compiacimento".
Come ha osservato Hilary Putnam, in Dewey, la parola "democrazia" ha una valenza filosofica assai generale. Coincide con la "logica dell'indagine", che a sua volta ci fornisce una "giustificazione epistemologica della democrazia": un punto di riferimento fondamentale per chi, oggi, come Dewey ai suoi tempi, voglia impegnarsi in un processo dì rinnovamento della filosofia. Una sfida presa sul serio dal convegno che si è svolto dai 10 al 13 aprile presso l'università della Calabria, organizzato dal Dipartimento di Scienze dell'Educazione, su John Dewey. La filosofia e l'educazione per la democrazia.
Il convegno è stato aperto dallo stesso Putnam, della cui relazione proponiamo qui un ampio stralcio, e ha visto la partecipazione dei maggiori studiosi americani di Dewey, tra cui Thomas Alexander, Larry Hickman, direttore del Center for Dewey Studies di Carbondale nell'Illinois, di cui è stato appena stata pubblicata dall'editore Armando La tecnologia pragmatica di John Dewey, con una presentazione di Giuseppe Spadafora, e numerosi studiosi europei e italiani (tra cui Jaime Nubiola, Hans Peter Krueger, Krystina Wilkoszewka, Aldo Visalberghi, Mario Alcaro, Alberto Granese, Nicola Siciliabi de Cumis, e lo stesso Spadafora).Per l'occasione è stata inaugurata la European John Dewey Society (vedi: www.calio.it/europeanjohndeweysociety) che si propone di trattare, nello spirito di Dewey, cioè di un pensiero attento alle dinamiche sociali ma che non demonizza i meccanismi di mercato, i problemi di oggi legati alle trasformazioni della democrazia e alla globalizzazione economica. Alla luce di essi il convegno ha messo in rilievo l'importanza della "ricostruzione" filosofica deweyana, legata al tentativo di "ricostruire" l'educazione e la democrazia applicato ad un contesto non solo americano ma globale. Quello che è emerso è stata la straordinaria attualità del pensiero deweyano, espressione di una particolare lettura del pragmatismo americano, una filosofia intermedia tra idealismo e realismo, ma soprattutto una filosofia completamente immersa nelle trasformazioni scientifiche e tecnologiche del Novecento.
Questo è il tema del libro di Hickman. Egli sostiene che tra i grandi filosofi di questo secolo che si siano occupati della dimensione tecnica delle nostre società, Dewey è stato l'unico a svilupparne un sapere critico, da mettere direttamente nelle mani dei cittadini per educarli a un controllo reale. All'atteggiamento misticheggiante o nostalgico di Wittgenstein, Heidegger o Adorno, Dewey oppone una visione realistica e concreta della dinamica tecnologica e dei meccanismi di innovazione, senza nascondere i problemi etici e sociali.
La sua filosofia è una raffinata e coerente forma di fallibilismo, applicato ad ogni pratica sociale e ad ogni forma di attività umana, compresa la capacità stessa di affrontare problemi sociali e tecnologici sempre inediti. Ma il nocciolo di tale fallibilismo si trova proprio nei due aspetti, strettamente intrecciati tra loro, qui affrontati da Putnam: quello epistemologico e quello etico. Il fallibilismo implica la possibilità di cambiare o modificare le proprie conoscenze, idee, credenze, valori, nel momento in cui queste siano sottoposte a critiche convincenti, senza però farci precipitare in una situazione di incertezza cronica, o in un relativismo immobilizzante. E questo proprio grazie al carattere insieme democratico - e dunque intersoggettivo - e sperimentale dell'indagine. Ci sono valori, idee, conoscenze che mostrano una resistenza maggiore alle nostre critiche e ai nostri esperimenti di confutazione. E tra questi ci piace credere che vi siano proprio quelli legati ai nostri ideali democratici, da cui dipende costitutivamente la nostra stessa possibilità di mantenere sempre aperta l'indagine.
inizio pagina
vedi anche
Cultura e societ…